7 cattivi Disney che incontrerai nella vita reale

cattivi disney nella vita reale
Fonte: Angelica Bamundo

Ogni volta che guardiamo un film Disney non possiamo fare a meno di notare quanto siano spietati i cattivi delle storie. Riuscireste mai a immaginare cosa accadrebbe se esistessero nella vita reale? Riusciremmo ad affrontarli come fanno i nostri eroi o avrebbero loro la meglio? Bella domanda!

Se c’è una cosa più che certa, è che – fortunatamente – non esistono poteri magici cattivi in grado di complicarci la vita e di intralciare i nostri sogni (anche se ammettiamo che vorremmo proprio avere quelli buoni per poter ottenere tutto ciò che vogliamo con un solo Bibbidi-Bobbidi-Boo. O quantomeno, non ci dispiacerebbe affatto avere a portata di mano una Mary Poppins o una fata madrina che ci aiutino quando siamo in difficoltà).

Leggi anche: Come sarebbero i film Disney se fossero diretti da Tim Burton?

Eppure, secondo l’illustratrice Angelica Bamundo, i cattivi Disney nella vita reale esistono (eccome se esistono). Non hanno poteri magici né possono compiere azioni malefiche, ma esistono attraverso persone con le quali abbiamo avuto a che fare almeno una volta nella vita o con le quali abbiamo a che fare – purtroppo – tutti i giorni.

Siete curiosi di scoprire qualcosa in più? Tutte le illustrazioni sono state raccolte da Gallery Roulette e noi le abbiamo riportate nella nostra gallery (in descrizione troverete la spiegazione). Non vi resta che sfogliarla e poi diteci: qual è il cattivo Disney con il quale avete avuto o avete a che fare quotidianamente?

Grimilde: "Sì, quest'anno per il mio compleanno il mio fidanzato mi ha comprato un'automobile. Sapeva quanto ne volessi una, perciò, sai..."

Immagine 1 di 7

Grimilde fa parte di quelle persone che nella vita reale non fanno altro che comparare le loro vite con quelle degli altri cercando di dimostrare di essere sempre le migliori. | Fonte: Angelica Bamundo

Ti è piaciuto il nostro articolo? Condividilo!
Redazione

«L’arte di scrivere consiste nel far dimenticare al lettore che ci stiamo servendo di parole» - Henri Bergson