Perché dopo una delusione d’amore le donne non si fidano più degli uomini?

perché le donne non si fidano degli uomini
Fonte: Web

Cosa cerchiamo nell’amore? Il più delle volte, quando iniziamo una relazione abbiamo delle aspettative abbastanza alte, il che ci spinge a buttarci a capofitto in una storia d’amore senza pensarci due volte.

Nel peggiore dei casi si prendono due strade diverse. Ma perché ci si lascia? Sapete, non sono solo le donne a chiedersi in continuazione: «cos’ho di sbagliato?» A volte, indipendentemente da quanto dolce o attento sia l’uomo nei confronti della donna, pare che questo non basti a soddisfarla a livello emotivo, il che può essere davvero frustrante.

«Quando ci fidanziamo con qualcuno finiamo per cambiare o per crescere attraverso le esperienze che condividiamo con il nostro o la nostra partner» scrive Kate Rose su Elephant Journal

E in effetti, questa può essere una cosa positiva perché cresciamo sia a livello emotivo, sia a livello mentale e, perché no, anche a livello fisico.

Leggi anche: Ecco perché accettare se stessi è la cosa più difficile del mondo

Come accade in qualsiasi cosa, però, anche in una relazione non è oro tutto ciò che luccica. Esistono delle relazioni squilibrate in cui la mancanza di fiducia regna sovrana e, per quanto una persona ci possa provare, perdonare diventa un’impresa e non ci sono fiori e cioccolatini che tengano davanti a un cuore spezzato.

Quando le donne sono davvero innamorate tendono a stare estremamente attente ai sentimenti dei loro uomini. Perciò, basta una delusione d’amore per costruire muri su muri (in fondo, più intenso è l’amore, più dolorosa sarà la delusione). Insomma, le donne finiscono per pensare che gli uomini premurosi si siano estinti e diventano facilmente sospettose per qualsiasi cosa.

«Cerchiamo i difetti quando non ce ne sono perché è diventato più facile credere che un uomo sia disonesto piuttosto che credere che si preoccupi sinceramente per noi»scrive Kate

Ma perché accade questo? Sì, la società ha una bella fetta di responsabilità, ma… francamente? È la mente che fa tutti questi viaggi!

Non possiamo andare a dire in giro che vogliamo un uomo come superman e poi un secondo dopo stiamo lì a cercare il pelo nell’uovo perché non crediamo che possa esistere un uomo “così perfetto”. Ecco, in questi casi il lieto fine è molto lontano perché, per quanto un uomo possa provare a dimostrarci continuamente il suo affetto sincero, se qualcosa non cambia alla fine si stancherà e se ne andrà.

Anche in questo caso, però, tendiamo a dargli la colpa con la fatidica frase: «non mi voleva davvero, altrimenti sarebbe rimasto e avrebbe continuato a darmi dimostrazioni». In questo caso non è che da parte sua non c’era interesse o impegno, ma capirete bene che vivere in queste circostanze diventa umanamente impossibile. Non importa quanto facciamo per i nostri uomini se siamo convinte al 100% che prima o poi ci faranno del male.

Quando un uomo lascia una donna, quest’ultima deve dare tempo al suo cuore di guarire. La guarigione richiede molto tempo perché, se si impegna quando non è ancora pronta rischia di rendere la vita impossibile a un uomo che non c’entra niente con la delusione d’amore appena passata.

«Non saremo mai in grado di permettere a un uomo di vincere contro di noi finché non sapremo di meritarlo» – scrive Kate

E in effetti, alla fine siamo noi che sabotiamo la nostra nuova relazione, ma solo perché vogliamo proteggerci e non vogliamo più farci del male. Non c’è modo di innamorarsi e di costruire una relazione sana se la iniziamo con una prospettiva tutt’altro che positiva.

Avete presente la legge dell’attrazione? Più si pensa positivo più si attrae positività, più si pensa negativo più si attrae negatività. Ecco, in una relazione funziona (più o meno) così. Secondo Kate, infatti, bisogna dare fiducia agli uomini aspettandosi il meglio e, se dalla loro bocca dovesse uscire il fatidico «ti amo» beh… perché non credergli?

Ovviamente, non basta pensare positivo per ricevere positività. Molte delle relazioni che sperimenteremo nella nostra vita finiranno, ma è bene accogliere tutto l’amore che riceveremo, chiunque sia la persona che avremo davanti. È molto importante per crescere, è una sorta di lavoro interiore.

Nessun altro sarà in grado di aiutarci a capire che non tutti gli uomini sono uguali finché non lo avremo imparato da noi, l’esperienza insegna. Siamo noi che dobbiamo guarire il nostro cuore, non potrà mai farlo neanche l’uomo più perfetto dell’universo.

«Il loro compito è di amarci, non di aggiustarci»

E… finché non lo faremo per noi stesse, nessun uomo sarà mai in grado di conquistare il nostro cuore per sempre.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Condividilo!
Redazione

«L’arte di scrivere consiste nel far dimenticare al lettore che ci stiamo servendo di parole» - Henri Bergson