«Ciao sono l’Amore… ti scrivo perché so che da diverso tempo mi stai cercando»

lettera dall'amore
Fonte: Web

«Ciao sono l’Amore… ti scrivo perché so che da diverso tempo mi stai cercando, forse abbiamo bisogno di parlare un po’.

Un giorno ti svegli con il desiderio di incontrarmi, ma quello di cui non ti rendi conto è che sono sempre stata a portata di mano. Ma perché ti affanni nel cercarmi sempre in posti dove non ci sono, con la persona sbagliata, nel momento inopportuno della tua vita.

Per tutto questo tempo sei stata cosi triste per quella relazione in cui hai dato tutto, ma ti ha mentito, tradito e cosa hai fatto… hai dato la colpa a me se non ha funzionato. Tutto questo tempo così infelice cercando una risposta in altri e non ti sei accorta che io sono sempre stata li.

Ignori continuamente il fatto che io possa essere sempre presente,
e continui a riversare il tuo tempo in amicizie improduttive, in persone false, in relazioni tossiche, ma io non mi maschero.

Ti sei rifugiata in terapie senza fine, pur di allontanarmi, pensando che la causa dei tuoi problemi fosse la mancanza di Amore. Hai investito tempo e denaro in risposte che non ti sono mai arrivate. Sto cercando di parlarti in un linguaggio che tu capisca. Quante volte ti ho detto di dire addio, di mollare, di amare te stessa, di abbandonare vecchi sistemi, ma tu hai continuato, pensando di non meritarti nulla.

Quante volte hai corso dietro a un’idea più che a un sentimento, sembra che tu sia interessa a possedere averi, che possedere il cuore. Smettila di pensare che niente si muova se non lo fai tu. Smettila di credere che salvi le vite, solo per essere riconosciuta. Stai sacrificando la tua esistenza in nome dell’educazione, di regole che non esistono.

Leggi anche: «Non voglio molto, voglio solo un amore capace di restare» – le meravigliose parole di Kate Rose

Ma ricorda che ci sarà sempre chi ti farà una critica, o chi si infastidirà per il tuo modo di essere. Non sei in questo mondo per compiacere la società. Tu mi accusi dicendomi che sono tutti infedeli, ma sei tu che li cerchi così. Tu mi accusi che tutti ti feriscono, ma ti domandi cosa offri tu?

Il male sta dove stai cercando ciò che ti interessa in modo superficiale, perché il frutto di quello che pensi, non è colpa dell’amore. Non ho ego, non ho ambizioni, non creo legami. Sei così brava, che con i tuoi amici e la tua famiglia, spieghi sempre : «guardate, sono in grado di analizzare o comprendere la mia vita, non ho bisogno dell’amore, io ho tutto sotto controllo».

E cosi la gara non finisce mai. Per questo non sei felice con quello che hai, non sarai amata con quello di cui credi di aver bisogno. Tutto ciò che viene da fuori può portare felicità o gioia momentanea, ma essere felice ed accogliermi nella tua vita è una decisione che solo tu puoi prendere. Dipende dallo stato della tua mente, dalla tua capacità di accettarti così come sei. Accetta (che non è in alcun modo accontentarsi) ciò che ogni giorno porti nella tua vita.

Tu credi sempre che altrove o in un’altra circostanza staresti meglio, ma poi questo altrove dov’è? Non lo vedi quel vuoto che non ha fondo, vuoi rimanere dentro una lotta senza fine? L’unica cosa permanente in questa vita è l’amore. Guardati intorno, guarda cosa hai creato oggi. Mi vedi, ci sono, iniziamo a creare qualcosa di diverso, creiamo insieme la tua vita.

Non piangere la mia assenza, io non muoio, il mio compito è di essere donata alle generazioni, vivo costantemente nel presente e sono molto produttiva. Le risposte che tanto cerchi te le posso dare io. Quando mi accogli capirai che non hai bisogno di nessun altro per essere felice.

Capirai che non puoi implorare l’amore di qualcuno o trattenerlo, smetterai finalmente di farti male al cuore perché ciò che ti fa male davvero è il vuoto e l’assenza del tuo stesso amore. Allora ti renderai conto che nessuno arriva per completare la vita se non per integrarla. E che non avrai mai un futuro se quello che stai cercando è qualcuno che costruisca per te.

Tu vali ogni pezzo di cuore sparso in delusioni, lacrime e abbandoni, perché è semplicemente questo l’amore che hai per farti meritare. Devi abituarti alla sincerità delle persone e accettarle per come sono, non prendere le loro azioni in modo personale, anche se ti feriscono, non sei obbligato a condividere ciò che non vuoi sentire, ma non puoi nemmeno odiare la persona per com’è, tutto sommato non è lei che ti sta provocando dolore, ma la tua insistenza di volere amore come desideri tu.

Preferisci che io mi spenga, e senza renderti conto, a poco a poco, spegni anche la tua luce interiore perdendo la strada; è così si assorbono gli anni ed i sogni, restando con quel poco che ogni giorno desideravi grande.

Leggi anche: Perché dopo una delusione d’amore le donne non si fidano più degli uomini?

È facile distruggersi senza volerlo. Ma è anche facile che tu ti renda finalmente conto che molte volte sei stata più felice più da sola che da «male» innamorata. Quando le piante non danno i frutti, analizza l’amore che offre la radice e così troverai la risposta a i tuoi raccolti.

Ma io sono l’amore, sono la tua espansione, che tu lo voglia o no, sono la tua cieca certezza. È tempo di saperti infinitamente accompagnata nell’amore, anche nella più intensa solitudine, perché avrai sempre al tuo fianco la persona più perfetta, te stessa.

È tempo di spezzare i pretesti, gli errori, la morale e adempire a ciò che il tuo cuore desidera, e se anche desiderassi una relazione, tu lascia semplicemente che accada.

Sono qui, amami, amati. Guardiamo insieme le tue ombre, trasformiamole, scopriamo le tue qualità e sviluppiamole, aiutiamo gli altri, trovati attraverso gli altri e scoprirai che non esistono nemici, siamo una famiglia che gioca a crescere attraverso ruoli d’anima che si attirano gli uni con gli altri sulla base di ciò che hanno da sperimentare.

L’amore vero, quello che stai cercando: sei Tu!

Con Amore, l’Amore»

Carla Babudri

Ti è piaciuto il nostro articolo? Condividilo!
Redazione

«L’arte di scrivere consiste nel far dimenticare al lettore che ci stiamo servendo di parole» - Henri Bergson